blog-grid

Un Novara ancora in rodaggio rimedia una sconfitta in quel di Lecco con un punteggio forse un po’ troppo severo per quello che si è visto in campo. Lecco è certamente stato superiore e ha avuto in mano il bandolo del gioco, ma è stato agevolato da alcune ingenuità del nostro XV e dalla fallosità dei giocatori azzurri (oggi in verde) che hanno rimediato ben 20 calci di punizione contro i miseri 6 del Lecco. Si aggiunga che il Novara ha fatto esordire in serie B la bellezza di 12 giocatori che hanno pagato ovviamente lo scotto dell’emozione. Il Novara schiera Chibelli , Cotroneo e Vientsov in prima linea , con i due Loretti dietro, Tonelli e Hoffman flanker e Maso numero 8 ; in regia l’inedita coppia Dario e Pina Trilla , ai centri Cassia e Battaglia , mentre a chiudere il triangolo allargato è Stofella con Macri e Carugati . In panchina Fabio Brega dirige le operazioni. Maso commette uno dei pochi errori della sua partita e regala il primo possesso al Lecco che guadagna metri e si fa subito pericoloso in touche, fase di gioco in cui ha nettamente dominato per tutto il match. Seguono alcune fasi.......

blog-grid

Punto di partenza

Il Novara incamera il classico punto di bonus difensivo che i più avrebbero sottoscritto alla vigilia del match, visto che il Piacenza è squadra che non nasconde le proprie ambizioni di promozione.  Ebbene a fine gara rimane un po’ di amaro in bocca perché forse si poteva fare il colpaccio. Un cambio di mentalità, di passo e di determinazione rispetto all’esordio di Lecco hanno caratterizzato la partita degli azzurri  che , specie nel secondo tempo , hanno operato una semi rimonta  che ha fatto davvero paura alla folta rappresentanza di sostenitori piacentini accorsi oggi al Laurenti.  Hanno fatto la differenza alcuni errori individuali di tecnica e di gestione di gioco , soprattutto al piede, che hanno consentito ad uno stanco Piacenza di mantenere campo e pallone e diportare a casa la vittoria. Assenti Tonelli e Hoffman l’uno per infortunio , l’altro indisposto  , manca rispetto a Lecco il solo Macrì per cui il XV partente è composto da Vientsov, Cotroneo e Chibelli in prima linea, con i due Loretti dietro e Guglielmi, Basile e Maso in terza. Esordio da titolare per Sacchi in regia con Pina Trilla, centri Carugati e Cassia, mentre dietro si schierano Battaglia, Stofella e Ratti ,.......

blog-grid

Il Novara disputa una prova gagliarda ma deve soccombere dinnanzi a un più organizzato e preciso Monferrato agevolato però dal rosso rimediato al 10’ del secondo tempo da Maso che lascia colpevolmente i compagni in  inferiorità numerica e , di fatto , condanna alla sconfitta una squadra fino lì rimasta egregiamente in partita, nonostante una indubbia supremazia territoriale monferrina e un rivedibile , per usare un eufemismo, uso tattico del piede di Pina Trilla & C.   Partita dura , ma sostanzialmente corretta,   per un arbitraggio un po’ frettoloso nel comminare i cartellini colorati.    Rientra a tempo pieno Hoffman in terza linea con Maso e Basile , i fratelli Loretti in seconda e classica prima linea con Vientsov, Chibelli e Cotroneo. Il numero 9 tocca a Dario e il 10 a Pina Trilla , mentre i centri sono Cassia e Carugati , le ali Ratti e Battaglia , l’estremo  Panigoni. Inizio di match di marca monferrina che mette subito l’accento in mischia ordinata dove la nostra prima linea viene messa in difficoltà e concede subito un calcio di punizione,  sbagliato malamente dal piede astigiano. Poi la difesa verde da trasferta viene messa a dura prova da un ottimo multifase.......

blog-grid

Il Novara che non ti aspetti stecca clamorosamente l’appuntamento con la prima vittoria in campionato in uno di quei match che contano davvero per la permanenza nella categoria.  Opposto ad un Bergamo  che ha avuto il solo merito di essere ordinato , gli azzurri si sono incartati e avvitati su se stessi riuscendo nella non comune impresa di sbagliare di tutto e di più a livello individuale e collettivo , aiutati pervicacemente da una regia priva di ritmo e velocità e , soprattutto , di lucidità tattica nel gioco al piede  e nella gestione del pallone. Aggiungiamo  poi l’endemica propensione all’indisciplina e la mancanza del cinismo necessario per tramutare in meta le occasioni avute nel corso della partita ed ecco confezionata in buon anticipo la strenna natalizia per i ragazzi di Bergamo che in cuor loro non credevano in tanta generosità. Si parte con l’abituale prima linea composta da Vientsov , Cotroneo e Chibelli, in seconda con i due Loretti e poi i flanker Guglielmi  e Basile a supportare Hoffman oggi nr. 8 al posto dello squalificato Maso; Dario mediano , Pina Trilla apertura  , i due centri sono Cassia e Carugati , mentre Sacchi dirige Panigoni e Battaglia. L’inizio.......

blog-grid

Altra partita da vincere dopo il flop contro Bergamo e altra inopinata quanto incredibile sconfitta maturata in un finale di secondo tempo da incubo. Il Novara si dimostra una squadra ancora incompiuta soprattutto sul piano della tenuta mentale  perché a un primo tempo solido, organizzato e ben giocato offre invece ai propri tifosi una seconda parte di match indisciplinata, confusa e disorganizzata che consente agli ospiti di rientrare in partita rimontando un passivo di 16 punti  e di vincere all’ultimo secondo marcando anche il punto di bonus. Torna in panchina Marcello Cuttitta che si affida alla solita prima linea di Vientsov, Cotroneo e Chibelli, alle spalle dei quali troviamo il duo Colombo e Luca Loretti, i flanker Guglielmi e Basile e Hoffman numero 8 ; mediani sono Dario e Pina Trilla, centri Cassia e Carugati, dietro Battaglia con Panigoni e Sacchi. Il Novara parte subito forte e fa la voce grossa a un Sondrio intimidito, messo in difficoltà subito da una bella manovra veloce e ariosa che porta il pallone verso Panigoni che però non aggancia. Poco male perché al 4’ Guglielmi acchiappa a due mani la rimessa laterale e rapido l’ovale vola verso l’esterno per giungere poi a Cassia.......

blog-grid

Sabato 24 Novembre la Probiotical Novara ha disputato in terra sarda il recupero della partita contro il Capoterra, compagine tra le più forti nel campionato di Serie B. Per affrontare al meglio l’impegno la società ha predisposto l’arrivo della squadra e degli accompagnatori nella serata di venerdì. Sabato mattina è stato effettuato il sopralluogo al campo di gioco che si presentava in buone condizioni e non troppo appesantito dalle piogge, il clima mite non poteva che favorire la prestazione atletica. Per l’occasione il Novara presentava un 15 inedito in questa stagione: in prima linea Vientsov, Cotroneo e Chibelli, in seconda Basile e Colombo, flanker Guglielmi e capitan Loretti L. e terza centro Hoffmann. La mediana vedeva Dario e Pina Trilla apertura, Carugati e Cassia centri, Battaglia e Panigoni all’ala e Stofella A. estremo. A disposizione di Marcello Cuttitta Ventruto, Cravini, Guzzardi, Lucci, Midolo, Ratti e Meneghin. Una leggera pioggerellina ha bagnato a tratti il match, fin dall’inizio, ma non ha arrecato più di tanto disturbo alle due squadre e anche il pubblico era numeroso nonostante la contemporaneità con la partita tra Italia e All Blacks. Al fischio d’inizio e per i successivi 10 minuti il Novara, come si usa dire,.......

blog-grid

Che non fosse Lumezzane la squadra con cui puntare a fare dei punti forse lo si poteva immaginare dal ruolino di marcia sin qui tenuto dalle due squadre, quello che lascia un po’ di amaro in bocca è il risultato e come è maturato. La Probiotical è partita da Novara seguita da un discreto numero di tifosi che hanno approfittato del pullman della squadra, piacevole abitudine di quest’annata sportiva, senza contare alcuni che si sono mossi con mezzi propri. Marcello Cuttitta ha disegnato così il 15: Vientsov, Cotroneo e Chibelli in prima linea, Loretti F. e Basile in seconda, capitan Loretti L. e Guglielmi in terza con Maso n°8. Mediana tipo: Dario di mischia e Pina Trilla Apertura. Cassia e Carugati centri, Battaglia e Panigoni all’ala, Sacchi estremo. L’inizio partita stupisce positivamente per la tenuta del Novara, la mischia tiene bene, rintuzza tutti i tentativi dei padroni di casa e nelle poche occasioni in cui i trequarti avversari riescono ad avere la meglio la seconda linea di difesa fa il suo lavoro. A onor del vero i bresciani sono sembrati fin da subito più reattivi e fisici e anche l’organizzazione di gioco sembrava migliore della nostra (se sono primi in.......

blog-grid

Il timore era quello che la netta sconfitta rimediata solo 7 giorni fa ad Ospitaletto contro il Lumezzane potesse ripercuotersi anche sulla prestazione casalinga del Novara che vedeva come avversari di turno la Union e Amatori Milano e invece i ragazzi di Cuttitta hanno reagito al meglio conquistando la prima vittoria della stagione in campionato. L’occasione è risultata ancor più ghiotta anche per il fatto che il Milano dei 16 punti in classifica conquistati sul campo se ne è visti decurtare ben 9 in virtù di un’irregolarità nella formazione schierata contro il Varese la settimana scorsa: partita persa a tavolino e ulteriori 4 punti di penalizzazione. La squadra meneghina si è quindi presentata al Laurenti con 7 punti e col morale sotto i tacchi; un bersaglio da mettere nel “mirino” e da non sbagliare, per un aggancio o addirittura un sorpasso in classifica. Con ancora negli occhi la corazzata Lumezzane, già nell’osservare il riscaldamento degli ospiti si percepiva una netta differenza nel maneggio della palla e nella velocità di esecuzione delle giocate, così come pure la fisicità non era paragonabile, il che faceva presagire che la partita che stava per iniziare avrebbe raccontato una storia diversa dalla scorsa. Invogliato anche dalla.......

blog-grid

Dopo la convincente prestazione col Milano i ragazzi di Cuttitta erano chiamati a ripetersi in quel di Genova contro l’Amatori, avversario che sulla carta e alla luce della situazione di classifica era alla portata dei novaresi. Alla storia, però, rimarrà una sconfitta che pesa sul morale e sul campionato. Adesso il Genova è a un solo punto da noi e la terz’ultima posizione, quella della salvezza, si è allontanata un po’ di più. Passiamo alla cronaca… La partita si è giocata in condizioni ambientali piuttosto particolari: il campo si trova in frazione sant’Olcese in alta valle Polcevera, è in un sintetico particolarmente consunto dal tempo sul quale prevale la tracciatura del campo da calcio, la pioggia e il freddo hanno accompagnato l’intero incontro rendendo più difficile fare qualunque cosa, ma non può e non deve essere una giustificazione. Guardando le due squadre in riscaldamento ho sinceramente avuto l’impressione di una superiorità dei novaresi rispetto agli avversari, che apparivano lenti, in difficoltà nel maneggio della palla e non molto strutturati fisicamente. Il Novara si è schierato all’inizio con Ventruto, Guzzardi e Chibelli in prima linea, Basile e Loretti F. in seconda, capitan Loretti L. e Midolo flanker e Maso n°8, Mediana.......

blog-grid

Riprende il campionato di serie B dopo la pausa natalizia ed il Novara si trova ad affrontare l’improba trasferta di Rovato contro una squadra in salute ed in ottima posizione in classifica. Difficile sognare l’impresa , ma l’obiettivo di giornata di capitan Loretti & C. è quello di testare la propria condizione , di giocare un match gagliardo e possibilmente portare a casa un punto in vista di due partite fondamentali a venire contro Varese e Lecco. Se le prime due consegne vengono rispettate , l’ultima purtroppo fallisce perché la quarta meta proprio non vuol saperne di arrivare . Qualche volta un pizzico di fortuna non guasterebbe. Assente Chibelli , coach Cuttitta schiera così il XV partente: Vientsov, Cotroneo, Ventruto in prima linea , Il duo Loretti dietro, Maso nr. 8 e flanker Guglielmi con Basile ; la collaudata coppia Dario e Pina Trilla in regia coadiuvata ai centri da Cassia e Crugati e alle ali da Battaglia e Ratti , mentre dietro vigila Panigoni. Soliloquio di venti lunghi minuti dei padroni di casa che annichilisce un Novara solo difensivo e che permette al Rovato di portarsi sul 20 – 0 e di conquistare subito il bonus in virtù di.......