blog-grid

A volte ritornano anche i giovani under 18 che riprendono a calcare il terreno del Laurenti dopo un anno di assenza facendolo nel migliore dei modi con una netta affermazione sui pari età del Collegno, al termine di una gara vigorosa e piacevole da seguire. I Bregarians infatti, pur con qualche comprensibile problema di amalgama e di intesa e con un evidente limite numerico, hanno palesato voglia e carattere per portare a casa il risultato, sfoderando una buona prestazione difensiva, una discreta tenuta fisica e qualche buona trama offensiva che ha tarpato le ali ad un avversario fisicamente tosto, ma un po’ elementare nelle soluzioni offensive specie se pressato a dovere. Il Novara si schiera con Scarpolini, Sturiale e Serri in prima linea, Romanò e Ferrari in seconda, a seguire Muca, Bononi, Macellari; Laporati e Fragnelli in regia pronti a lanciare Sacchi e capitan Vecchio, le ali Leone e Castagnetti e l’estremo Abid. Campo morbido, clima britannico, ideale per giocare a rugby. Il primo tempo segna una sterile, ma continua supremazia territoriale degli ospiti che però cozzano contro la muraglia azzurra organizzata da Vecchio, Sacchi e Leone che francobollano i tre quarti torinesi, mentre placcatutto Muca dà l’esempio ai suoi.......

blog-grid

Il Novara esce sconfitto, ma a testa alta per la bella prova offerta al cospetto di un forte Biella che, alla distanza, ha piegato la difesa novarese, fiaccata dalla panchina e dal fiato corto. Gli azzurri non possono reggere il confronto fisico rispetto ai gialloverdi, molto veloci e rapidi, capaci di proporre un rugby dinamico e arioso che si sviluppa sulla larghezza del campo, rispetto al quale i nostri si sono difesi gagliardamente e hanno avuto anche qualche spunto offensivo di rilievo. Brega schiera la stessa squadra che aveva battuto la scorsa settimana il Collegno con il solo innesto della new entry Faggio al posto di Sacchi convocato in prima squadra. Serri, Sturiale, Scarpolini, Ferrari, Romanò, Macellari, Bononi e Muca sono gli otto del pack, Laporati e Fragnelli i mediani, Vecchio, Leone, Faggio , Castagnetti e Abid i tre quarti. Biella dà subito l’impressione di averne di più e cerca di marcare subito, installandosi nella metà campo del Novara che si salva a più riprese per una indubbia bravura difensiva collettiva sostenuta dai placcaggi di Faggio, Vecchio e Castagnetti nei pesi leggeri e da quelli di Bononi, Sturiale e Muca per i pesi pesanti . Mischia ordinata sostanzialmente alla pari.......

blog-grid

Si è giocato domenica 25 Novembre il recupero della partita tra Ivrea e Amatori Novara. Il campo dell’Ivrea si presentava in buone condizioni e la giornata limpida e non fredda era l’ideale per una partita di rugby. Il coach Fabio Brega ha avuto a disposizione la rosa quasi al completo, dovendo però rinunciare dall’inizio al tallonatore Sturiale, sempre tra i migliori in questo inizio di stagione non facile per i noti motivi e all’apertura Fragnelli ai box per la frattura al naso rimediata contro Biella. L’Ivrea è una squadra solida, ben assortita in mischia, molto meno nei trequarti, sia fisicamente sia tecnicamente, che a buon titolo risulta la seconda forza del girone, dietro al Biella oggettivamente superiore. A dispetto del risultato la partita è stata giocata e combattuta. Sono purtroppo emersi i soliti difetti: scarsa tenuta fisica di alcuni giocatori, automatismi ancora da trovare causati fondamentalmente dalla poca conoscenza che i giocatori hanno gli uni degli altri, una mischia che in alcune fasi di gioco risulta inadeguata e una mediana ancora troppo lenta e imprecisa. Il nostro pack ha regolarmente subito in situazioni di mischia chiusa: i piloni in particolare sono stati “arati” dai pari ruolo avversari, non potendo nemmeno.......

blog-grid

20 gennaio 2019 La giornata è tersa, il campo avaro d’erba ma in buona condizioni, qualche tifoso novarese a supportare la trasferta alle porte di Torino. Novara si presenta in formazione tipo nel reparto degli avanti e alla mediana, mentre qualche aggiustamento nella linea arretrata si impone per le assenze dei centri Sacchi, convocato con la prima squadra, e Fragnelli con qualche acciacco di troppo: la panchina corta non garantisce troppe soluzioni alternative, ma la voglia è tanta. Calcio di inizio affidato al drop di capitan Vecchio sul lato del campo opposto al sole invernale, quello basso all’orizzonte tanto temuto dagli estremi. Qualche minuto di studio tra le due squadre, con Collegno che prova a bucare di forza con il pack, Novara che controlla e prova qualche timida ripartenza con la linea arretrata. L’equilibrio viene sbloccato poco prima del ventesimo minuto: cartellino giallo a Muca per un “chiarimento” con un giocatore avversario non gradito al direttore di gara e meta di Collegno, che passa in vantaggio in superiorità numerica. Novara non ci sta, si riporta immediatamente in attacco e pareggia con Romanò, abile a raccogliere da ruck a 5 metri e schiacciare in meta. Per la felicità di coach Brega.......

blog-grid

Un Novara decisamente sottotono si fa battere in casa all’ultimo minuto da un non trascendentale Genova. Pur schierando una cerniera 10 – 12 – 13 che quest’anno ha saggiato la serie B , i Bregarians giocano davvero una brutta gara : distratti in attacco , passivi in difesa , cedevoli in mischia ordinata e soprattutto poco aggressivi e fallosi sul punto di incontro i giovani azzurri regalano agli ospiti tre quarti di match che valgono la posta piena, mentre la ventina di minuti in cui la squadra ha giocato ordinata e in velocità hanno valso solo il vantaggio momentaneo e la speranza poi infranta della vittoria. Come detto i primi 20’ del Novara sono inguardabili. Il campo è in buone condizioni , la temuta gelata non c’è stata , ma fa freddo e ogni tanto scende acqua gelata. Le squadre sembrano infreddolite e addormentate , ma è il Genova a menare le danze conducendo un gioco di qualche mini unit affidata a gente di peso per poi cercare l’allargamento per il proprio primo centro di grande impatto . I nostri non avanzano e non placcano , ma i numerosi avanti commessi da ambedue gli schieramenti rendono il gioco spezzettato e.......

blog-grid

Opaca prestazione del Novara nel recupero di campionato che consente ai padroni di casa bianco rossi di ottenere una netta vittoria. La compagine novarese è apparsa svogliata, disattenta e inconcludente pur con l’attenuante delle assenze dello squalificato Muca e dei marcanti visita Fragnelli e Romanò e per l’utilizzo a tempo pieno dei neofiti Sulo e Istrefi , ma l’inconsistenza fisica e combattiva degli uomini del pack è stata la chiave di volta , in negativo , del match.  Infatti se il reparto arretrato nel suo insieme ha tenuto botta pur subendo talvolta le accelerazioni dei dirimpettai , sono stati gli uomini di mischia a evidenziare le maggiori carenze , passivi nel cercarsi gli avversari e il placcaggio in difesa e in costante ritardo nella lotta sul punto di incontro in cui si sono persi palloni decisivi causa mollezza e passività , per non parlare dell’ennesima prova negativa in mischia ordinata. Brega schiera in partenza Serri, Sturiale e Scarpolini in prima linea , XHeka e Sulo seconde linee, supportate da Ferrari , Bononi e Istrefi , mentre Macellari è mediano di mischia in regia con Vecchio apertura ; ai centri Sacchi e Abid ,ali Leone e Parigi e Castagnetti estremo. Sventola.......