IVREA – AMATORI NOVARA

blog-grid

Si è giocato domenica 25 Novembre il recupero della partita tra Ivrea e Amatori Novara. Il campo dell’Ivrea si presentava in buone condizioni e la giornata limpida e non fredda era l’ideale per una partita di rugby. Il coach Fabio Brega ha avuto a disposizione la rosa quasi al completo, dovendo però rinunciare dall’inizio al tallonatore Sturiale, sempre tra i migliori in questo inizio di stagione non facile per i noti motivi e all’apertura Fragnelli ai box per la frattura al naso rimediata contro Biella. L’Ivrea è una squadra solida, ben assortita in mischia, molto meno nei trequarti, sia fisicamente sia tecnicamente, che a buon titolo risulta la seconda forza del girone, dietro al Biella oggettivamente superiore. A dispetto del risultato la partita è stata giocata e combattuta. Sono purtroppo emersi i soliti difetti: scarsa tenuta fisica di alcuni giocatori, automatismi ancora da trovare causati fondamentalmente dalla poca conoscenza che i giocatori hanno gli uni degli altri, una mischia che in alcune fasi di gioco risulta inadeguata e una mediana ancora troppo lenta e imprecisa. Il nostro pack ha regolarmente subito in situazioni di mischia chiusa: i piloni in particolare sono stati “arati” dai pari ruolo avversari, non potendo nemmeno.......

blog-grid

Che non fosse Lumezzane la squadra con cui puntare a fare dei punti forse lo si poteva immaginare dal ruolino di marcia sin qui tenuto dalle due squadre, quello che lascia un po’ di amaro in bocca è il risultato e come è maturato. La Probiotical è partita da Novara seguita da un discreto numero di tifosi che hanno approfittato del pullman della squadra, piacevole abitudine di quest’annata sportiva, senza contare alcuni che si sono mossi con mezzi propri. Marcello Cuttitta ha disegnato così il 15: Vientsov, Cotroneo e Chibelli in prima linea, Loretti F. e Basile in seconda, capitan Loretti L. e Guglielmi in terza con Maso n°8. Mediana tipo: Dario di mischia e Pina Trilla Apertura. Cassia e Carugati centri, Battaglia e Panigoni all’ala, Sacchi estremo. L’inizio partita stupisce positivamente per la tenuta del Novara, la mischia tiene bene, rintuzza tutti i tentativi dei padroni di casa e nelle poche occasioni in cui i trequarti avversari riescono ad avere la meglio la seconda linea di difesa fa il suo lavoro. A onor del vero i bresciani sono sembrati fin da subito più reattivi e fisici e anche l’organizzazione di gioco sembrava migliore della nostra (se sono primi in.......